S.OS. pelle – Pronto soccorso naturale

 

Rimedi naturali per un’estate piena di salute!

  • Afte: piccole ulcere rotonde o ovali, poco profonde, spesso con base grigia e superficie gliallognola, che appaiono talvolta nella parte interna delle labbra, delle guance, sulla lingua. La causa più frequente è la carenza di vitamina B, ma anche squilibri della flora batterica intestinale.

Sintomi: sono in genere precedute da lievi pizzicori che interessano la regione dove poi compariranno le ulcerette

Rimedio: fate sciacqui più volte al giorno con una soluzione ottenuta sciogliendo 10 gocce di tintura madre di propoli  in un bicchiere d’acqua; applicate poi del gel di aloe sulle lesioni.

  • Congiuntivite: infiammazione della congiuntiva, membrana che ricopre la parte bianca dell’occhio. Spesso è dovuta a un’infezione batterica o virale, ma può essere scatenata anche da un allergia, un corpo estraneo o sostanze irritanti come il cloro delle piscine, l’acqua di mare o il fumo

Sintomi: occhi arrossati, sensazione di “sabbia nell’occhio” e irritazione; in alcuni casi al risveglio l’occhio può essere  appiccicoso e incrostato

Rimedio: applicate sugli occhi impacchi  tiepidi di infuso di camomilla o eufrasia, se l’infiammazione non possa nel giro di qualche giorno, consultare il medico.

  • Eritema solare: infiammazione acuta della pelle (ustione di primo grado), dovuta a una prolungata esposizione ai raggi UV senza la dovuta esposizione o con protezione inadeguata; non va confusa con le fotodermatiti che possono manifestarsi dopo l’esposizione solare a causa di  diversi fattori, come l’assunzione di farmaci e l’utilizzo di cosmetici e profumi (compresi prodotti solari fotoinstabili ).

Sintomi: arrossamento della pelle, bolle, vescicole, papule pruriginose, sensibilità al tatto. esfoliazione e secchezza cutanea

Rimedio: fate un bagno tiepido diluendo nell’acqua alcuni cucchiai di amido, applicate poi localmente una pezzuola immersa in un bicchiere d’acqua con 20 gocce di tintura madre di calendula, ripetete l’operazione più volte al giorno sostituendo sempre la pezzuola utilizzata con una pulita.

  • Herpes labiale: malattia infettiva di origine virale causata virus Herpes simplex, piuttosto comune e diffusa, che può manifestarsi anche in altre zone, come occhi, viso, genitali. Alimentazione scorretta, forti stress, esposizione prolungata ai raggi solari, attacchi febbrili/influenzali possono scatenare il virus.

Sintomi: vescicole dolorose ai lati della bocca, “annunciate” da calore e pizzicore.

Rimedio: appena avvertite la sensazione di calore e pizzicore, applicate subito un cubetto di ghiaccio e tenetelo in posa per una mezzoretta, dopo di che applicate, due volte al giorno, due gocce di olio essenziale di lavanda su un bastoncino di cotone ed eseguite delle toccature sulle zone interessate; 

  • Punture di insetto: con particolare riferimento alle zanzare, ghiotte di sangue umano, la cui puntura favorisce il rilascio di istamina, potente mediatore chimico coinvolto nei processi allergici e infiammatori.

Sintomi: cute arrossata e gonfia nella zona colpita, dolore e prurito.

Rimedio: applicate due gocce di olio essenziale di lavanda su un bastoncino di cotone ed eseguite delle toccature sulla puntura; oppure applicate due gocce di tintura madre di calendula direttamente sulla zona interessata e gel di aloe.

  • Scottature: sono in genere associate al fuoco e al sole, ma possono essere provocate anche da vapore, elettricità e prodotti chimici; se di lieve entità possono essere trattate con prodotti naturali, altrimenti è fondamentale rivolgersi al medico.

Sintomi: se di lieve entità causano solo arrossamento della cute, che risulta anche dolorante; le scottature gravi penetrano in profondità e possono arrecare danni ai nervi, vasi sanguigni, ghiandole ecc

Rimedio: applicate sulla cute uno strato di oleolito di calendula seguito da gel di aloe; in alternativa compresse imbevute di decotto di calendula preparato facendo sobbollire, in mezzo litro di acqua, per cinque minuti, 4 cucchiai di fiori essiccati.

  • Sudorazione eccessiva: la perdita di umidità attraverso la pelle fa parte del meccanismo di regolazione della temperatura corporea. Alcune persone sudano più degli altri, senza una ragione apparente. In genere la sudorazione eccessiva è innocua anche se fastidiosa e può essere dovuta a stress, ansia, disturbi alla tiroide, obesità, esercizio fisico

Sintomi: emissione eccessiva di sudore, anche in zone circoscritte come mani e piedi, in alcuni casi di odore sgradevole

Rimedio: se la sudorazione eccessiva interessa piedi o mani fate dei maniluvi (o pediluvi) a base di infuso concentrato di salvia, dalle proprietà astringenti e deodoranti; applicate poi una polvere aspersoria a base di amido e bicarbonato che aiuterà a mantenere la pelle asciutta.

  • Vesciche: piccoli rilievi della pelle pieni di liquido acquoso, possono essere causati da sfregamento (scarpe strette), scottature, punture di insetti oppure dal contatto con sostanze irritanti.

Sintomi: bruciore e rossore seguiti da formazione di una sacca contenente liquido

Rimedio: applicate abbondante gel di aloe due o tre volte al giorno, fin quando la vescica si sarà “seccata”. La vescica non va assolutamente bucata, se si dovesse rompere accidentalmente disinfettate con acqua ossigenata.

 

In conclusione, in vacanza,  portate sempre con voi un piccolo “kit di emergenza” contenente:

    • gel di aloe vera
    • olio essenziale di lavanda
    • oleolito di calendula
    • tintura madre di propoli
    • amido di riso o di frumento
    • bustine di camomilla

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 + quattro =